Emigrazione

UN PONTE CON GLI USA PER CELEBRARE I SANNITI NEL MONDO

15 feb – Pescara – In provincia di Benevento la conoscenza della storia dell’emigrazione passa attraverso la celebrazione dei Sanniti nel mondo, in onore all’antico popolo italico che abitava gli attuali territori della Campania settentrionale, dell’alta Puglia, di gran parte del Molise (tranne il tratto frentano), del basso Abruzzo e dell’alta Lucania., “Emigralezione” con “Lontani dal Cuore”, la serie televisiva del regista Pino Tordiglione nelle Scuole della Campania, Calabria e Puglia è partita infatti dal piccolo Comune di Pontelandolfo (BN) tra commozione ed applausi.
Dalla serie televisiva di Rai Italia è stato mostrato agli studenti il film documentario dal titolo “Loro Scoprirono l’America” – Un Viaggio nelle Terre d’America che racconta Storie e Contributi dell’emigrazione Italiana per la crescita sia degli Stati Uniti d’America che dell’Italia.
L’Iniziativa, promossa dal Coordinamento Nazionale Piccoli Comuni e sostenuta dalla Provincia di Benevento, Assessorato al Turismo, in occasione del suo 150° anniversario dalla fondazione e dal Comune di Pontelandolfo, ha inteso celebrare i Sanniti nel Mondo e lo fatto con gli Stati Uniti dove risiede la più grossa Comunità Campana dei Piccoli Comuni d’oltreoceano: la Comunità dei Pontelandolfesi di Waterbury nel Connicticut che annovera, dall’inizio secolo ad oggi, oltre 35.000 cittadini emigrati dal questo piccolo centro del Sannita.
L’evento ha annovererto la presenza di Tony Rubbo, presidente dei Pontelandolfesi in America e di Virgilio Caivano, portavoce del Coordinamento Nazionale Piccoli Comuni nonché del Sindaco di Pontelandolfo, Cosimo Testa, dell’Assessore provinciale, Carlo Falato ed il regista Pino Tordiglione il quale ha dichiarato:
“Congiuntamente ai Piccoli Comuni e alla Provincia di Benevento abbiamo inteso celebrare un percorso culturale iniziato nel 2006, anno in cui ebbe inizio la produzione della serie televisiva Lontani dal Cuore, dedicata ai nostri connazionali d’oltreoceano; il filmato scelto mostrerà agli studenti del sud il sacrificio dei loro Padri nelle patria della democrazia, gli Stati Uniti; una narrativa filmica che focalizza anche il notevole contributo intellettuale italiano per la costituzione di questa grande Nazione, una lezione di “storia vera” raccontata direttamente ed indirettamente da coloro che furono i protagonisti del grande esodo, di quel processo di crescita culturale ed economica sia degli Stati Uniti che della nostra Italia, ricordare alle nuove generazioni il passato significa insegnare loro a sapere apprezzare il presente per progettare insieme un futuro umano, comprendere l’emigrazione significa tollerare l’immigrazione”.
“Ai giovani – precisa il Portavoce di Piccoli Comuni, Virgilio Caivano – abbiamo il dovere di spiegare davvero la nostra storia di emigrazione per aiutarli nelle difficile opera di integrazione dell’oggi per il domani. Il nostro è un futuro multietnico, multirazziale, multiculturale e tocca ai giovani affrontare e vincere questa sfida straordinaria. Non servono forme demagogiche, strumentalizzazioni politiche, ma solo tanta verità e buon senso. Noi siamo – conclude il leader di Piccoli Comuni – la frontiera di una nuova e moderna società che rispetta le origini e guarda con speranza al futuro con all’orizzonte un grande arcobaleno di pace”.

0
0

Commenti di Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.